giovedì 4 luglio 2013

Yogurt fatto in casa con il latte...alla spina!

Allora, ho fatto lo yogurt dopo mesi nei quali mi dicevo "prima o poi.."
Dato che me lo dico per molte cose, forse troppe, non mi credo fino a che non mi vedo :-)
Qualche giorno fa ho scoperto di avere un NaturaSÌ a 5 minuti di bici dall'ufficio, ho comprato una confezione di fermenti lattici (8,5 € per poter fare fino ad 80 litri di yogurt) e poi, come i bambini, sono rimasta in trepidante attesa fino alla sera!
Ingredienti per 1 litro di yogurt (per iniziare, poi si usa un bicchierino di quello fatto per rifare il prossimo)

1 litro di latte crudo (fresco)
1 bustina di fermenti lattici (io ho usato quelli che vedete in foto)

Io ho la fortuna che nella mia città c'è un'azienda agricola che, ogni giorno, rifornisce la casetta del latte. Si può andare lì con la propria bottiglia ed acquistare il latte "alla spina".
Il procedimento può variare a seconda della marca di fermenti che comprerete e dal tipo di latte. Quello a crudo che ho usato io va bollito prima del consumo quindi, l'ho fatto cuocere per 5 minuti, poi l'ho lasciato raffreddare fino a 37 grado, ho riscaldato un pochino per raggiungere e 40 gradi, ho unito i fermenti, mescolato e versato in un thermos che avevo precedentemente sterilizzato (o quasi...). 
L'ho lasciato nel thermos, immobile, per 3 ore, poi ho acceso la luce del forno, con estrema delicatezza ho spostato il thermos nel forno e l'ho lasciato lì, con la lucina accesa per altre 3 ore e poi l'ho messo in frigo per tutta la notte.
rettamente dalla fattoria e non al supermercato, io ho la fortuna che nella mia città c'è un'azienda agricola che ogni giorno rifornisce la casetta del latte. Si può andare lì con la propria bottiglia ed acquistare il latte "alla spina".
Due accorgimenti: attenzione a rispettare le temperature riportate nelle istruzioni. I fermenti che ho acquistato io sono attivi e, appunto, "fermentano" ad una temperatura compresa tra 32 e 45 gradi. Quando vivevo alla fattoria, in Germania, mi hanno insegnato a fare lo yogurt a certe temperature che erano standard e guai a non rispettarle, pena la non riuscita del prodotto!
Attenzione anche ai contenitori, devono essere puliti, asciutti e meglio se sterilizzati. Il ho fatto bollire una pentola d'acqua e ho fatto "cuocere" il thermos ed il suo tappo per 30 minuti (mentre lo yogurt raffreddava). Ho poi spento l'acqua e lasciato raffreddare senza toccarli. Una volta freddo ho messo le due parti ad asciugare su un telo di cotone pulito.
Non sarà il top della sterilizzazione ma è già un buon punto di partenza :-)
Una volta fatto lo yogurt si è conservato per 5 gg.
Se volete rifarlo tenete da parte un vasetto (circa 100 gr) e ripetete il procedimento.
Rifacendolo noterete che si solidificherà più velocemente rispetto alle 8 ore della prima volta. 

1 commento:

  1. grande!! Cosa non darei per assaggiarlo!! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina

I vostri commenti sono preziosi! Grazie a chi mi scriverà :-)